PUSSY RIOT LIBERE!!!

Il popolo Russo è, relativamente, in protesta per quello che sta succedendo alle tre ragazze del gruppo punk femminista “Pussy Riot” arrestate dopo una performance nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca con l’accusa di vandalismo e istigazione all’odio religioso. La “preghiera anti-Putin” ha portato il tribunale di Mosca a condananre Nadia, Maria e Yekaterina a sette anni di carcere!! Tutti il mondo si è mobilitato, dalla gente comune alle stelle del Rock, da New York a Mosca.

Ma dov’era tutta la gente russa? Quale migliore occasione? Tre ragazze, di cui due gia madri, hanno avuto il coraggio di sfidare il dio Putin rischiando di non poter crescere i propri figli e soprattutto la condizione necessaria per vivere : la libertà!

Le ragazze non sono assolutamente pentite di quello che hanno fatto, anzi. I principi della libertà di espressione e del libero pensiero in Russia non esistono , si prenda in esempio anche l’accusa fatta a Madonna per aver fatto espliciti riferimenti all’omosessualità, che ovviamente in Russia è un reato.

E’ ora che il popolo russo, come tutto il mondo, si svegli e che prenda come “propria” l’accusa fatta alle Pussy- Riot, che le difenda e che inizi una vera e propria rivoluzione contro Putin e il sistema Russo che oltre ad opprimere le menti, a quanto pare, le sopprime.

PUSSY-RIOT LIBERE!

 

This entry was posted in iniziative. Bookmark the permalink.